AIDIA Firenze
Rate this item
(0 votes)

 

Care AIDIA,

estendo il gradito invito di Federica Sazzini  (ingegnere e collega del comitato di redazione della rivista dell'Ordine Ingegneri Firenze) alla presentazione del suo primo libro "L'attesa", previsto il prossimo 4 ottobre alle ore 18:30. L'evento è realizzato all'interno del festival "L'Eredità delle Donne OFF".

 

INFO E ISCRIZIONI

Antonietta Paulozza, ingegnere e attrice per passione, leggerà alcuni brani tratti dal libro mentre Angela Serra, ingegnere anche lei, intavolerà una discussione prendendo spunto dalle tematiche affrontate nel libro. 
 
Ad ospitarci saranno gli spazi della Biblioteca Femminista in via Fiesolana 2b.
 
Alla fine della presentazione verrà offerto un piccolo rinfresco. 
L'evento è gratuito ma occorre registrarsi al seguente link: 
 
Per maggiori informazioni su luogo e ora vi mando il link alla pagina dedicata alla serata all'interno del mio blog:
Rate this item
(1 Vote)

 

Città vivibili e umane
La città è spesso il luogo nel quale si sviluppano le maggiori energie umane, dove si mescolano elementi volontari ed elementi casuali. Molte volte diventa il terreno del conflitto per eccellenza che, se volto in positivo, può rivelare nuove possibilità e opportunità nel processo di emancipazione della collettività.
Un ruolo fondamentale nel sistema urbano è rivestito dallo spazio pubblico, che rappresenta l'identità e le aspirazioni di chi vi abita. È questo il luogo in cui si rende possibile o meno la sperimentazione della democrazia, del benessere e delle opportunità senza barriere di alcun genere, il motore del cambiamento e punto di partenza su cui innestare programmi strategici per la città.
Con la concretezza tipica femminile, l'autrice individua i principali nodi in questione, a cominciare dalla divisione-condivisione degli spazi urbani ovvero come usufruirne e come condividerli; come renderli accessibili e protetti; come redistribuirli dai grandi centri alle periferie; come renderli funzionanti.
Come ricorda Marta Ajò nella sua presentazione, la necessità di modificare la città cambiando il rapporto tra strutture e cittadino, in un diverso intreccio tra vita e lavoro, tra giovani, anziani e diversamente abili non può prescindere da strutture e modalità che garantiscano più la collettività che il privato.
La disfunzione e l'insufficienza delle aree metropolitane interferiscono non solo sull'organizzazione della vita ma anche sulla salute dei cittadini fra i quali le donne sono le più soggette ad ammalarsi.
Il testo, molto aggiornato e completo, illustra lo status quo in ambito europeo, le buone pratiche e le opportunità che ne derivano. Una diversa e migliore pianificazione urbana può e deve creare vantaggi per migliorare la salute e lo stile di vita della popolazione:partire da qui significa ritrovare il coraggio di sperimentare con nuovi approcci e voler combattere lo sradicamento, non solo fisico ma anche quello dell'anima, per contrastare il dimenticare e l'improvvisazione, per recuperare l'attimo del profondo stupore platoniano con un progetto di amore che ricerca la propria e l'altrui felicità.

 

Rate this item
(0 votes)

 

8 marzo 2019: il Lions Club Valdarno Host, la FIDAPA BPW Italy del Valdarno e AIDIA Firenze hanno scelto di celebrare la giornata internazionale dedicata a tutte le donne in modo “creativo”. Non si tratta di ritrovarsi per festeggiare, ma di ricordare: ad esempio, avere presente che la vita al femminile parla di tante cose oltre le sofferenze e le disparità, parla di affetti, di amore, di lavoro e di capacità; di una vita positiva e anche scoppiettante; evidenzia saperi, competenze, creatività e con loro colori, allegria, vita, vivacità.

 

Sappiamo bene che non c’è niente da festeggiare quando le cronache quotidiane parlano di donne in termini di violenze, morti e discriminazioni. Purtroppo , è soprattutto in questo modo che l’altra metà del cielo, quella sempre più in ombra, arriva ai media. Tuttavia, con la scelta congiunta di celebrare in questo modo la giornata internazionale dedicata alle donne, si vuole mettere in evidenza che, oltre alle sofferenze e alle disparità, la vita al femminile parla di tante altre belle cose.

Per questo motivo, Lions Club Valdarno Host, FIDAPA BPW Italy Valdarno e AIDIA Firenze daranno vita a un evento all’insegna delle cose belle che le donne producono e di cui sono capaci.

Lo faranno venerdì 8 marzo a Figline Valdarno presso il ristorante “Convivio in Casagrande”, dalle ore 18,30, inaugurando una mostra dal titolo che promette davvero qualcosa di significativo: “Donne ordinarie diversamente lucide”, dove pittura, poesia, canto e arte offriranno momenti di riflessione e senso artistico in varie forme.

 

Dopo l’incontro pubblico con le artiste protagoniste della mostra, la serata proseguirà con una interessante conviviale, durante la quale due notissime relatrici offriranno ai presenti l’opportu nità di conoscere ancora meglio il meraviglioso “universo femminile”. Si tratta della Dott.ssa Patrizia Aproni, Presidente del Museo Marino Marini e della Prof.ssa Donatella Lippi, Presidente Associazione Lyceum.

 

Lions Club Valdarno Host

FIDAPA BPW Italy Valdarno

AIDIA Firenze

Sede Territoriale - Blog