INSITO

 

 LA MODA INCONTRA L'ARCHITETTURA

 

ABITARE NEL CENTRO STORICO

 

ECOSCHOOLS

 

 

Itinerario nelle Evidenze

VIDEO

Costruire Camerino

da Team AIDIA

 SEMINARIO TECNICO_CATANIA

 

EVENTO DIDATTICO

Il digitale che aiuta ogni ragazzo ad imparare e tutti insieme a crescere

 

MILANO 17 Aprile 2019

da Team AIDIA

RIGENERAZIONE URBANA

Tra politiche top-up e iniziative bottom-up

RIQUALIFICAZIONE DELLO SPAZIO PUBBLICO 

da Team AIDIA

INCONTRO - MECCANICHE URBANE - 4 Novembre 2019 

da Team AIDIA

RHO FIERA 27-28 FEBBRAIO 2020

CITY_BRAND & TOURISM 2020

 

da Team AIDIA

A.I.DI.A. Sezione di Latina e Provincia e La Commisione Cultura dell'Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Latina.

 


Il Direttivo A.I.D.I.A. nelle persone degli Architetti Maria Di Falcom e Paola Parziale, nell'ambito della Commissione Cultura dell'Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Latina, collabora all'organizzazione di due eventi formativi:

- La Mostra con relativo catalogo del G.R.A.U. :
 “Gabriella Colucci, Anna Di Noto e Patrizia Nicolosi, TRE PERFORMER ANTE LITTERAM”;

 


- La presentazione del libro “In cerca di sole” di Antonietta De Luca , romanzo ispirato alle cronache del 1966 relative alla drammatica vicenda della frana di Agrigento.

 

Quest'ultimo evento si colloca tra le iniziative che l'A.I.D.I.A. , sezione di Latina e Provincia , sta realizzando in riferimento al tema della SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE assunto, come argomento centrale per le attività nazionali di A.I.D.I.A.

 


In particolare, riflettere sui fatti accaduti ad Agrigento nel 1966, e purtroppo ripetutisi in altre zone d'Italia negli anni succesivi, significa riflettere sulle caratteristiche idrogeologiche del nostro territorio e su quanto comporta, in termini di drammatiche coseguenze sui territori e sulle popolazioni, una pianificazione e un' edificazione dissennata, all'insegna dell'abusivismo e di una prassi costruttiva non sempre corretta.

 


Si allegano i comunicati stampa dell'Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Latina relativi agli eventi indicati.

F_Ar è un evento interattivo promosso da AIDIA (Associazione Italiana Donne Ingegneri e Architetti) -Sezione Provinciale BT, che vuole interrogarsi sul ruolo femminile in architettura. Le Nazioni Unite si prefiggono di raggiungere la parità di genere entro il 2030. A chilometri di distanza quale è la situazione attualmente in questa professione?

Liete e Felici di partecipare a questa bella iniziativa al quale siamo tutte e tutti invitati...

... Per l’occasione, alla presenza del Prof. Francesco Schittulli, sarà sottoscritto il Protocollo d’Intesa tra Michele Ciniero Presidente della LILT Sezione Provinciale di Barletta Andria Trani e l’Arch. Claudia Marciano Presidente dell’AIDIA (Associazione Italiana Donne Ingegneri e Architetti) Sezione Provinciale di Barletta Andria Trani.

Un progetto collaborativo sul futuro dell’architetto e in generale sulla figura del tecnico e il contributo che il nostro ruolo può dare alle città. Gli umani saranno invitati a scegliere una domanda, scrivere o disegnare una risposta e condividerla sui social utilizzando gli hashtag #postarchitettura #aidiabt 

“Culture costruttive” nasce dalla volontà di condividere la conoscenza di opere di interesse pubblico, dal progetto alla sua realizzazione. Gli eventi, aperti a tutti e in particolar modo a tecnici e operatori del settore, si svilupperà in giornate formative/conoscitive sul sito dell’opera, strutturate dai tecnici e dagli attori dell’esecuzione lavori i quali, attraverso il racconto e la visita guidata del cantiere, restituiscono l’intero processo evolutivo dell’opera.

L'obiettivo è quello di accrescere il background conoscitivo e formativo dei tecnici (e non) attraverso la strutturazione di eventi che promuovano la conoscenza e l’approfondimento di alcune opere di taglio pubblico del nostro territorio. “In chiave pubblica” è l’elemento interessante di questi eventi, poiché raccontando alla comunità il nesso tra progetto, cantiere e vita dell’opera, la si rende partecipe del processo di trasformazione del territorio sul quale l’opera stessa si erige.

In prosecuzione con il laboratorio di autorecupero “Culture costruttive per il recupero sostenibile”, relativo agli spazi interni alla Torre Nord-Ovest del Castello di Bisceglie, durante l’evento “Culture costruttive” si illustrerà l’approccio all’autorecupero come metodo operativo, in un campo di intervento particolare quale il manufatto edilizio di interesse pubblico.

Questa tipologia di approccio sarà in primo luogo raccontata in loco dai progettisti, che grazie ai loro interventi cercheranno di far rivivere l’esperienza del cantiere mostrandone le fasi di evoluzione. Tale metodo si riconduce alle linee guida per un corretto intervento di restauro conservativo, reversibile e coerente con le tipologie architettoniche, nel rispetto del manufatto storico. Ne consegue che l’evento possa essere un momento di formazione sul tema del recupero sostenibile del patrimonio edilizio storico.

Pagina 2 di 18
top