INSITO

 

 LA MODA INCONTRA L'ARCHITETTURA

 

ABITARE NEL CENTRO STORICO

 

ECOSCHOOLS

 

 

Itinerario nelle Evidenze

VIDEO

Costruire Camerino

da Team AIDIA

 SEMINARIO TECNICO_CATANIA

 

EVENTO DIDATTICO

Il digitale che aiuta ogni ragazzo ad imparare e tutti insieme a crescere

 

MILANO 17 Aprile 2019

da Team AIDIA

RIGENERAZIONE URBANA

Tra politiche top-up e iniziative bottom-up

RIQUALIFICAZIONE DELLO SPAZIO PUBBLICO 

da Team AIDIA

INCONTRO - MECCANICHE URBANE - 4 Novembre 2019 

da Team AIDIA

RHO FIERA 27-28 FEBBRAIO 2020

CITY_BRAND & TOURISM 2020

 

da Team AIDIA

Vota questo articolo
(0 Voti)

 

Dove: Sala Ex Convento Sant’Antonio – Via Roma- Montalto Uffugo

Quando: 19 aprile 2018, ore 14.30

Obiettivi della giornata formativa:
Il Nuovo Codice degli Appalti impone l’obbligo di applicare i Criteri Ambientali Minimi (CAM) emanati dal Ministero dell’Ambiente negli acquisti pubblici. A tal proposito, l’obiettivo dell’incontro formativo è di integrare e potenziare le conoscenze dei dirigenti della P.A., dei professionisti e delle imprese sulle novità legislative del nuovo Codice degli Appalti in materia di Acquisti Verdi, analizzandone altresì le opportunità ma anche le criticità e individuando le possibili soluzioni per rafforzare l’applicazione del GPP. Due distinti focus analizzeranno i Criteri Ambientali Minimi emanati in Edilizia e nella Gestione dei Rifiuti Urbani che, obbligatoriamente, devono essere inseriti nella documentazione progettuale e di gara. I CAM per l’edilizia sono volti a individuare il minor impatto ambientale del "sistema edificio" anche mediante la scelta di prodotti sostenibili in una logica di ciclo di vita del bene immobiliare, i CAM per i rifiuti riguardano la parte del servizio di gestione relativa alla raccolta dei rifiuti e promuovono una maggiore esigenza di sostenibilità in un settore particolarmente delicato che da anni rappresenta una emergenza nazionale.
La giornata è parte di una serie di seminari formativi organizzati da ALESSCO - Agenzia per l’Energia della Provincia di Cosenza in collaborazione con la Regione Calabria, promossi all’interno del progetto GreenS, che si è svolta su tutto il territorio regionale.
Per l’organizzazione di questa giornata formativa collaborano AIDIA - Associazione Italiana Donne Ingegneri e Architetti, Ordine degli Ingegneri della Provincia di Cosenza e Comune di Montalto Uffugo.
Il progetto GreenS, coordinato dall’ALESSCO è un progetto europeo finanziato dal Programma “Horizon 2020”, ideato per favorire l’attuazione della strategia di specializzazione intelligente (S3), per lo sviluppo di un’economia sostenibile ed inclusiva dell’Unione Europea. L'obiettivo generale del progetto è quello di attivare e potenziare la capacity building delle Pubbliche Amministrazioni negli appalti verdi, attraverso soluzioni innovative di risparmio energetico così riducendo i costi di gestione e le emissioni di CO2. GreenS prevede l’istituzione di "Strutture Permanenti", G.P.P.S. - Green Public Procurement Supporters all'interno delle Agenzie per l'Energia per dare sostegno ed assistenza tecnica alle Pubbliche Amministrazioni sul GPP (Green Public Procurement).

I ragazzi della 2^E del Liceo artistico di Latina, apprese le tecniche di pubblicazione sul web, organizzano e pubblicano l' ultima gallery con i lavori del laboratorio di Scenografia. Le scenografie realizzate sono state allestite nei plastici realizzati con materiali ricavati dalla raccolta differenziata della scuola.

Si è tenuta il 21/ 91/2020, presso il Liceo artistico di Latina la 
riunione dell’Eco comitato della scuola che, ormai da quattro anni, partecipa al progetto “Eco schools”. Ha presieduto la riunione la Professoressa Pasqualina Mastroianni portando i saluti della Referente, Professoressa Donatella Ferrarese che purtroppo non ha potuto partecipare . Erano presenti gli ispettori dell’azienda “A B C “ del Comune di Latina che hanno donato alla scuola alcune bilance per la pesatura dei rifiuti. Erano presenti altri rappresentanti del Comune, referenti per “Eco schools”. Ha partecipato alla riunione la Presidente di “A.I.D.I.A., sezione di Latina e Provincia”, Architetto Maria DI Falco che ha esposto le modalità di collaborazione dell’associazione nelle attività di laboratorio del progetto “Eco schools” visibili sul sito web : www.aidia-italia.it
I genitori degli alunni e gli alunni stessi presenti all'incontro hanno esposto gli eventi e le attività a cui hanno partecipato e si sono mostrati molto sensibili ed interessati ai temi dell'ambiente e della sostenibilità. Con orgoglio hanno illustrato gli elaborati prodotti nelle attività dei laboratori dei vari indirizzi di studio della scuola sostenuti dalle docenti, Professoressa Petrochi, Professoresse Cocco e Parziale, docente nei labortori di “Architettura e ambiente”, “Design” e “Scenografia”, nonché professionista socia di A.I.D.I.A., sezione di Latina e provincia.
A.I.D.I.A. sezione di Latina e Provincia collabora con i laboratori artistici di “Architettura e ambiente” e “Design” e “Scenografia” del Liceo artistico di Latina per il progetto “Ecoschools” del Comune di Latina.







Dallo studio di un progetto realizzato di una casa per vacanze in una cittadina del nord della Svezia e collocata in un bosco su un grande lago, ha avuto inizio il laboratorio di “Architettura e ambiente “ , “Design” e “Scenografia” del Liceo artistico di Latina improntato alla sostenibilità ambientale. I ragazzi hanno analizzeto il progetto e, in particolare, l'inserimento dell'architettura in un ambiente naturale, nel rispetto delle tradizioni costruttive del luogo e degli elementi naturali. Sono stati osservati i materiali utilizzati, in particolare la struttura in legno, eco compatibile per eccellenza e i colori applicati agli elementi architettonici accuratamente scelti affinché l'edificio fosse integrato anche visivamente nell'ambiente naturale.

 Sono stati consegnati agli  alunni, divisi in gruppi, gli elaborati di progetto della residenza svedese per realizzarne un modello in scala sul quale ogni allievo avrebbe potuto apportare modifiche, secondo la propria sensibilità e nel rispetto dei concetti di  SOSTENIBILITÀ AMBIENTALE. 

I materiali utilizzati per la realizzazione dei modelli sono stati reperiti utilizzando i prodotti della raccolta differenziata effettuata nell'Istituto nell'ambito del progetto “Eco schools”, in particolare le bottiglie di plastica utilizzate dagli alunni e dal personale scolastico. 
I modelli, dotati di piccole celle fotovoltaiche, saranno illuminati utilizzando “energia pulita” . I giochi di luci e colori , così prodotti, disegneranno sui modelli, utilizzati  come set per una scenografia in scala ridotta, le ambientazioni per uno o più dialoghi familiari messi in atto da personaggi realizzati con materiali riciclati.

Il progetto di riferimento è stato reperito sul web al seguente indirizzo:
https://www.domusweb.it/en/architecture/gallery/2019/07/25/perfect-swedish-house-with-pitched-roof.html?utm_term=Autofeed&utm_medium=Social&utm_source=Facebook&fbclid=IwAR0bpp9fydkDPUmZYF9Y6Ukpm_TJRnjNW2wTjyXW3PwZSkZOLCcVyY1IQUQ#Echobox=1567203023


Il lavoro è stato preceduto da una riflessione sul consumo della plastica e sulle conseguenze che la dispersione di oggetti in plastica ha sull'ambiente. Le ricerche sul web sono state fondamentali per il reperimento di dati importanti come quelli che possiamo evincere al segente indirizzo:

https://habitat.thevision.com/bottiglie-plastica-spreco

Anche i dati relativi al consumo di bottiglie in plastica nell'istituto sono stati elementi essenziali per la riflessione e l'impostazione del lavoro nei laboratori. 

Dal calcolo del consumo dell'istituto di bottiglie in plastica grandi si evince che vengono utilizzate in  media  5 bottiglie all’anno per classe ( durante feste, eventi ecc.) x 30 classi= 150 bottiglie grandi all’ anno consumate dagli alunni + una media di 20 bottiglie grandi all’anno consumate dal personale.
 In totale le bottiglie grandi consumate in un anno nella scuola sono  170.

Inoltre, i ragazzi frequentano la scuola 33 settimane all’anno e si assentano in media per il  50% delle ore totali di lezione. Frequentano, quindi, in media, 17 settimane all’anno x 6 giorni = 102 giorni all’anno. 

Se ogni alunno consuma una bottiglietta di plastica al giorno e gli alunni sono circa 600, in un anno vengono consumate dagli alunni 600 x 102=61.200 bottigliette di plastica. 

Se vogliamo considerare solo 550 alunni che consumano una bottiglietta d’ acqua al giorno le bottigliette consumate sono 550x 102=56.100

È emersa la necessità di riutilizzare questi materiali nelle attività laboratoriali della scuola ricavando un risparmio di fondi pubblici destinati all'acquisto di nuovo materiale di laboratorio che avrebbe generato altro consumo di materiale plastico.

 

Con la collaborazione delle professioniste di A.I.D.I. A. gli alunni hanno avuto la possibilità di arricchire la riflessione sulla sostenibilità ambientale con elementi riferiti alle professionalità dell'Architetto e dell'Ingegnere e hanno potuto apprendere le tecniche di pubblicazione dei propri lavori sul web, avendo a disposizione la pagina locale del sito web http://www. aidia-italia.it su cui allestire una gallery con i propri lavori.

 

L'esposizione virtuale dei lavori consentirà agli istituti che collaborano in tutta Italia con le altre sezioni di A.I.D.I. A. di confrontarsi con i temi trattati dal Liceo artistico di Latina e , allo stesso tempo, gli alunni del Liceo di Latina, interagendo con il sito, potranno confrontarsi con realtà scolastiche, culturali e professionali del resto d'Italia che si stanno confrontando con le diverse problematiche legate alla sostenibilità ambientale

Vota questo articolo
(2 Voti)

IMMAGINARE IL FUTURO SOSTENIBILE IN VALDARNO
Figline e Incisa Valdarno_ 31 Gennaio 2020_ore 15,00 Palazzo Pretorio

AIDIA (Associazione Italiana Donne Ingegneri e Architetti) Sezione Firenze, è orgogliosa di presentare il convegno dal tema IMMAGINARE IL FUTURO SOSTENIBILE IN VALDARNO
Il dibattito contemporaneo verte sulla “Sostenibilità Territoriale”. Con questo evento intendiamo affrontare la Sostenibilità nelle diverse discipline: ambientale, urbanistica, paesaggistica, nella mobilità, perché solo così saremo in grado di assicurare il soddisfacimento dei bisogni della generazione presente e futura.
Constatato che sono in atto in diversi Comuni del Valdarno le redazioni di molti Strumenti di Pianificazione e Piani Operativi, Aidia Firenze si è posto l’obiettivo di contribuire in maniera fattiva al dibattito in corso sulla “Sostenibilità” nel territorio in cui operiamo.

 

Il seminario tecnico dal titolo “Rigenerazione urbana, tra politiche top-down e iniziative bottom-up”, che si terrà in data 17 gennaio 2020 alle ore 17.00 presso la sede dell’ordine degli architetti di Cagliari, si propone di far emergere le principali componenti del concetto di “rigenerazione” che, legato alle città e ai territori, abbraccia questioni di natura fisica, sociale economica e ambitale.  

Attraverso gli interventi dell’Arch. Mara Ladu, dell’Ing. Alberto La Barbera, della Dott.ssa Silvia Bernardini e dell’Arch. Mario Beltrame, verranno approfondite le principali politiche istituzionali messe in campo per incentivare il recupero del patrimonio edilizio esistente, verranno introdotti concetti chiave alla base di una comprensiva integrazione del fattore sociale nella nuova progettazione - rigenerazione e, infine, verranno discussi gli esiti un’interessante esperienza di rigenerazione economica e sociale avviata nella città di Bergamo dall’associazione QuxQu - Il quartiere per il quartiere. 

Il seminario riconoscerà 2 CFP agli architetti e 2 agli ingegneri.

Il seminario è patrocinato da:

Ordine Architetti Pianificatori Paesaggisti Conservatori - Sud Sardegna

OIC Ordine Ingegneri Cagliari

AIDIA Cagliari Associazione Italiana Donne Ingegneri e Architetti - Cagliari

Associazione QuxQu - Il quartiere per il quartiere, Bergamo

Sabato, presso la Fondazione Ordine Ingegneri di Milano, si è tenuta l’assemblea nazionale con la presenza di tante socie sia di Milano che da varie parti d’Italia. A seguire un rinfresco

Pagina 1 di 18
top